Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

 

 

Relazione Convegno di Milano del 24 Febbraio Con Fondazione FSI Stampa E-mail

 

Presso la sede del CIFI (Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani) nella stazione FS di Porta Garibaldi in Milano, lunedì 24 febbraio si è svolta la riunione di tutte le Associazioni convocate da Fondazione FS italiane in vista della Convenzione e futura collaborazione.

Tutte le Associazioni convocate erano presenti con una folta delegazione al seguito:
1. Associazione Gruppo Ale 883 di Tirano (Piemonte) con il Presidente Rosa Manzoni;
2. Associazione Rotabili Storici Milano Smistamento ARSMS;
3. Associazione FerAlp Team di Torino/Bussoleno con il Presidente Marco Schizzerotto;
4. Associazione Veneta Treni Storici di Verona, con il Presidente Lionello Signori;
5. Associazione Ferstoria Trieste, con il Presidente Leandro Staffè;
6. Associazione Treni Storici Liguria, La Spezia, con il Presidente Marco Icardi;
7. Associazione Toscana Treni Storici Italvapore, Pistoia con il Presidente Mauro Cappini;
8. Associazione Treni Storici Emilia Romagna-Adriavapore, Rimini, con il Presidente Giorgio Zennaro;
9. Associazione RTVT (Roma Treno Vapore Team) Roma, con il Presidente Massimiliano Marchetti;
10. Associazione Treni Storici Puglia di Taranto, con il Presidente Serrano Oreste;
11. Associazione Treno Doc, Palermo, con il Presidente Settimo Marineo;
12. Associazione Ferrovie Kaos di Agrigento, con il Presidente Pietro Fattori;
13. Associazione Sarda treni Storici Sardegnavapore con il Presidente salvatore Moi;
14. Federazione Italiana Ferrovie Turistiche e Museali- Palazzolo (BS) con il Presidente Alberto Sgarbi;
15. Delegazione Francese di Fed Ec Rail.
La Fondazione FS Italiane era capeggiata dal suo Direttore Ing. Luigi Cantamessa e da tutto il suo Staff composta da Federico Cremonesi, responsabile della manutenzione, da Mario Silvestri, responsabile commerciale, da Paolo Dallai, responsabile della condotta dei treni, da Paruscio Arturo e Leonardi Francesco macchinisti e da Gilda Petrucci delle Pubbliche Relazioni. La nostra delegazione era composta, oltre dal sottoscritto, dal vicepresidente Avv. Serrano Fabrizio, dal Dott. Marco Callini e da Cosma Damiano De Ceglie. Per motivi familiari non è potuto intervenire il Consigliere Dott. Pietro Marra.
Il Programma si è svolto regolarmente:
- Ore 11.45 Ritrovo presso la saletta CIFI;
- Ore 12.00 Inizio dei lavori: introduzione del Direttore della Fondazione FS Italiane, ing. Luigi Cantamessa;
- Ore 12.45 Sicurezza e applicazione del d.lgs. 81/08 nei rapporti tra Fondazione FS e Associazioni, ing. Vincenzo Panico (FS Italiane);
- Ore 13.10 La gestione del rischio e le coperture assicurative: dott. Raffaele D'Onofrio (FS Italiane);
- Ore 13.30 Pausa e light lunch offerto da Fondazione FS Italiane;
- Ore 14.15 Interventi dei Presidenti delle Associazioni, su prenotazione, e replica dei referenti di Fondazione dopo ogni intervento;
- Ore 17.00/17.30 Chiusura dei lavori a cura del Direttore ing. Luigi Cantamessa.
 
La sala del CIFI, composta da due ampi locali, uno arredato con poltrone e l’altra adibita a sala pranzo, era stata resa attraente e arredata con numerosi poster ferroviari appartenenti alla Fondazione FSI che le davano il giusto tono dell’evento in corso. Alle 11,45 ha preso la parola l’Ing. Cantamessa iniziando il suo intervento con una breve ma esaustiva storia della Fondazione FSI, con scopi ed obiettivi, e che si articola su tre ordini di azione: Museo di Pietrarsa, Biblioteca storica e treni storici. Poi è passato a delineare l’importante ruolo delle Associazioni ex convenzionate nel mantenimento del parco storico e dopo aver ringraziato il loro operato, ha parlato del ruolo che le Associazioni d’ora in poi dovranno svolgere in seno alla Fondazione toccando tutte le problematiche del nuovo rapporto. Le Associazioni saranno chiamate a svolgere il ruolo di braccio destro della Fondazione supportando gli scopi e gli obiettivi propri della Fondazione che sono quelli della cura e del decoro estetico dei rotabili storici e della promozione dei treni d’epoca presso gli Enti Regionali e terzi. Riguardo al parco storico, tutti i mezzi su cui si opererà sono di proprietà di Fondazione FSI e non sono assegnati a nessun impianto; la programmazione e la commercializzazione dei treni spetta a Fondazione FSI e le tariffe per ora possono variare da Regione a Regione in base alle tracce orarie, alle linee e ad altri fattori che riguardano la condotta affidata a Trenitalia. Tutti i rotabili storici saranno distribuiti da Fondazione FSI sul territorio nazionale in base alle situazioni logistiche delle Associazioni, della loro peculiarità partecipativa e delle domande di treni turistici. Alle 12,45 ha preso la parola l’Ing. Vincenzo Panico di Ferrovie Italiane che ha illustrato la legge 81/08 che riguarda la sicurezza negli Impianti ferroviari regolata dal DUVRI. Ogni Associazione, se non l’ha ancora fatto, si deve adeguare a tali normative per essere convenzionata con Fondazione FSI; a tal uopo si darà massimo appoggio alle Associazioni all’attuazione di tali norme. Alle 13,10 ha preso la parola il Dott. Raffaele D’Onofrio parlando della gestione del rischio in ambito ferroviario e la copertura Assicurativa necessaria al rispetto delle norme richieste da Ferrovie dello Stato. Su questo punto si registra un’importante novità emersa dalle difficoltà delle Associazioni di farsi carico del pesante onere Assicurativo. La Fondazione FSI si farà carico del premio assicurativo RCT per tutte le Associazioni convenzionate; le modalità saranno rese note in seguito. Alle 13,30 ha avuto luogo il light lunch offerto da Fondazione FSI in maniera impeccabile. Alla ripresa dei lavori si sono avuti gli interventi dei funzionari di Fondazione FSI:
- Paolo Dallai ha esposto il suo ruolo che è quello della Condotta dei treni;
- Federico Cremonesi quello tecnico della manutenzione dei rotabili;
- Mario Silvestri responsabile della Commerciale;
- Gilda Petrucci della P.R.
Ogni Associazione farà riferimento a queste persone per i problemi inerenti tutti gli aspetti futuri. Sono persone conosciute in ambito FS per la loro passione ai treni storici; hanno dichiarato la loro piena disponibilità. Alle 14,30 hanno preso la parola i Presidenti o delegati che avevano chiesto di parlare. Ha iniziato la Presidente di Ale 883 che ha parlato di cose strettamente attinenti l’approccio ai mezzi; lo spostamento degli stessi; e la difficile organizzazione dei treni tanto che ha messo in discussione il treno gratis con il borbottio dei presenti. Poi hanno parlato l’Associazione Ferstoria di problemi inerenti gli impianti di Trieste; poi Ferrovie Kaos dei suoi progetti per il ripristino della linea p.Empedocle - Agrigento; l’Associazione Sarda Sardegnavapore; quella ligure ATSL; quella veneta AVTS e infine l’ATSP. Gli interventi dei Presidenti sono stati tutti all’attenzione di Cantamessa e del suo Staff che ha dato risposte puntuali e precise. Da tutti gli interventi è emerso che molti hanno parlato dei loro problemi trascurando quelli generali; è emerso anche la necessità di questi incontri per mettere a rete le esperienze e le problematiche; ma anche da parte di alcuni del vecchio modo di fare e una poco attenta aderenza alla realtà delle cose ferroviarie; molti ancora sognano. Gli interventi più seguiti sono stati quelli di Marco Icardi di ATSL e Serrano Oreste di ATSP che hanno parlato dei generali problemi. In particolare il mio intervento ha fatto conoscere a tutti i presenti la vera realtà dell’ATSP. In Particolare mi sono attenuto a questi punti che sono emersi nel corso degli interventi:
  • Piena concordanza di intenti di ATSP con Fondazione FSI;
  • Illustrazione del DUVRI ai presenti dove è risultata l’ASTSP la prima e forse l’unica a regime di sicurezza secondo la 81/2008;
  • Assicurazione già conforme alle norme richieste;
  • Richiesta di firmare on-line la convenzione futura (ottenuta);
  • Richiesta di come organizzare manifestazioni per conto promozione Fondazione;
  • Spiegazione di come noi organizziamo i treni. Revisioni dei mezzi;
  • Vocazione turistica della Puglia;
  • Treni a vapore da oggi grande affare in Puglia;
  • Chiarimenti sui treni storici delle FSE e dell’ATSP;
  • Mettere a rete le Associazioni;
  • Il ruolo importante di Taranto nel sud Italia.
Infine Cantamessa ha dato la parola al Prof. Alberto Sgarbi Presidente della FIFTM in quanto questa federazione è stata chiamata da Fondazione FSI a coagulare tutti gli interessi delle Associazioni che obbligatoriamente devono essere iscritte alla stessa per accedere alla collaborazione. Infine ha preso la parola il Direttore che ha espresso apprezzamenti per le cose dette e per il clima di serena e fattiva collaborazione; tutte le Associazioni presenti possono essere convenzionate se lo riterranno, entro la fine della primavera con Fondazione FSI e con Fondazione e Trenitalia.
Ha dato lettura dei siti ufficiali con l’assegnazione delle Associazioni alle sedi.
- Ale 883 e ARSMS a Milano Centrale e Tirano;
- Feralp a Torino Sm;
- AVTS a Vicenza;
- Ferstoria a Trieste CM;
- ATSL a La Spezia;
- Italvapore a Pistoia che è la sede centrale dei rotabili storici;
- Adriavapore a Rimini o Bologna C;
- RTVT a Roma;
- ATSP a Taranto presso l’IMC;
- Treno Doc a Palermo e Ferrovie Kaos a Porto Empedocle;
- Sardegnavapore a Cagliari.
 
Inoltre sono acquisite le sedi di Foligno, Sulmona e Ancona per i lavori sui rotabili di Fondazione
La riunione è stata sciolta alle ore 17,00.

SERRANO ORESTE

 

 

 

 
< Prec.   Pros. >
Menu principale
Home
Eventi e manifestazioni
Attualitą Ferroviaria
Modalitą richiesta treni
Linee Ferroviarie in Puglia
Rassegna stampa
Links
Diventare soci ATSP
Treni in programma
Programmi Treni
Locandine
Notizie storiche
Il recupero dei rotabili ATSP
Notizie storiche sui rotabili
Storia delle Ferrovie in Puglia
Francobolli ferroviari
Ultime notizie
Sondaggi
Ti piace il nostro sito?
 
Chi e' online
Abbiamo 1 visitatore online